Iniziamo a fare la spesa in un nuovo supermercato ed ecco che subito ci viene proposta la carta fedeltà. Noi accettiamo così da poter risparmiare. Secondo le statistiche, il 74% degli italiani ne possiede almeno una. Questo perché lo reputano utile come strumento di risparmio. Ma è davvero così conveniente? O meglio, siamo sicuri che convenga più a noi che al supermercato darci questa carta?

Quanto conviene la carta fedeltà del supermercato

Questo studio è stato proposto da Altro Consumo. Sembra che il risparmio di solito sia al di sotto dell’1% e in rari casi si avvicina al 10%. Non solo, per avere uno sconto maggiore dobbiamo pagare una parte dei premi in contanti e una in punti.

Qualcuno permette anche di trasformare i punti in buoni spesa ma è l’opzione meno conveniente. L’Esselunga per esempio da ogni 3.000 punti, che corrispondono alla bellezza di 1.500 euro di spesa, 27€ di buoni spesa. Considerando poi che i punti vengono calcolati solo dopo i primi 5 euro di scontrino, vedete bene che la cifra da spendere è ben superiore, all’incirca di 1.700 euro.

La carta fedeltà permette poi lo sconto sul prodotto, anche del 30%. Un bel vantaggio, questo è certo. In media però solo il 30% dei prodotti al massimo è in offerta. Il risparmio a fine anno è di circa il 3,6%.

Qualcosa ci guadagniamo è vero, ma non sono soldi regalati. I supermercati per darci queste carte fedeltà vogliono i nostri dati. E i nostri dati ormai dovreste averlo capito, sono molto preziosi per le aziende. Perché?

Restando nello specifico campo delle carte fedeltà, non solo i supermercati hanno maggiori possibilità che il cliente torni a far la spesa li, ma ottengono (cosa ben più importante) informazioni importantissime su quelli che sono i comportamenti di acquisto dei clienti. Se usati bene questi dati possono far aumentare di molto i guadagni.

Possono farlo? Si, perché siamo noi ad acconsentire attraverso gli appositi moduli che riempiamo. Ancor più spesso lo facciamo inconsapevolmente perché spuntiamo tutte le caselline che si presentano senza prestarvi attenzione e leggerle.